fbpx

sanzioni

Cosa accade in caso di cessazione dell’incarico di Responsabile Tecnico ?

Il Comitato Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali, con delibera n. 1 del 30 gennaio 2020, ha approva la “Disciplina relativa alla cessazione dell’incarico di responsabile tecnico”.

La delibera 1/2020 entra in vigore il 4 maggio 2020 e  definisce le procedure conseguenti al verificarsi della cessazione dell’incarico di responsabile tecnico, nonché per i casi di sopravvenuta perdita da parte del responsabile tecnico del requisito di idoneità.

In questi casi l’impresa può proseguire l’attività oggetto dell’iscrizione per un periodo massimo di 90 giorni consecutivi, durante i quali le funzioni di responsabile tecnico sono esercitate provvisoriamente dal legale rappresentante indicato dall’impresa.

La procedura viene distinta in:

  • cessazione dell’incarico

in tal caso, il responsabile tecnico che cessa l’incarico ne dà comunicazione, oltre che all’ impresa, anche alla Sezione regionale a mezzo di posta elettronica certificata; 

l’impresa è tenuta a dare comunicazione, per via telematica, alla Sezione regionale competente nel termine di 30 giorni consecutivi dal suo verificarsi;

  • sopravvenuta perdita del requisito di aggiornamento dell’idoneità 

la Sezione regionale comunica anticipatamente, a mezzo Pec, la scadenza del requisito di idoneità e dal giorno successivo alla scadenza decorreranno i 90 giorni sopra citati.

Le sanzioni hanno ad oggetto:

  • la sospensione dell’iscrizione nel caso di mancata comunicazione da parte dell’impresa entro i 30 giorni;
  • la cancellazione dell’impresa dall’Albo, per le categorie d’iscrizione interessate, nel caso in cui non venga nominato un nuovo RT decorsi 90 giorni.

 

Dal 17 gennaio 2020 è entrato in vigore il D.Lgs. 163/2019 n. 163, recante disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni di cui al regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra e dei relativi regolamenti di esecuzione della Commissione europea, attuati con DPR 16 novembre 2018, n. 146.

 Diverse le sanzioni previste, come ad esempio quelle in materia di:

  • prevenzione delle emissioni;
  • controllo e sistemi di rilevamento perdite;
  • tenuta dei registri conservati nella Banca Dati;
  • recupero di gas fluorurati a effetto serra;
  • etichettatura e informazioni sui prodotti e sulle apparecchiature;
  • iscrizione al registro elettronico delle quote per l’immissione in commercio di idrofluorocarburi.

Tra le sanzioni previste si segnala, in particolare, quella di cui all’art. 8: “Le persone fisiche e le imprese che svolgono le attività senza essere in possesso del pertinente certificato o attestato sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 10.000,00 euro a 100.000,00 euro”.

Secondo quanto statuito all’art. 6: “Le imprese certificate o, nel caso di imprese non soggette all’obbligo di certificazione, le persone fisiche certificate che non inseriscono nella Banca Dati di cui all’art. 16 del D.P.R. n. 146/2018 le informazioni previste, entro trenta giorni dalla data dell’intervento, sono punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 1.000,00 euro a 15.000,00 euro.”

 I soggetti esposti a sanzione sono:

  • operatori (proprietari delle apparecchiature)
  • imprese certificate
  • persone certificate
  • organismi di certificazione
  • imprese produttrici

Per ulteriori informazioni si rimanda al link 

 

Condividi

Assiwama propone il nuovo corso di formazione sulla “compliance” aziendale in ambito ambientale per un efficientamento nella gestione dei rischi

Il 27 e 28 marzo non perderti il nuovo corso di formazione sulla “compliance” aziendale, per prevenire rischi e sanzioni ambientali.

Il corso ha come obiettivo quello di fornire le conoscenze necessarie per poter gestire e prevenire, in modo ottimale, i rischi ambientali, calibrando le responsabilità interne, indirizzando il percorso di crescita aziendale verso una piena compliance, in applicazione delle  best practices di settore, sì da evitare l’applicazione di sanzioni in capo all’ente.  

Verrà favorito e stimolato il confronto tra docenti esperti di settore ed i partecipanti. 

Il corso si articolerà in 2 moduli formativi da 8 ore ciascuno, per un totale di 16 ore.  La partecipazione allo stesso è riservata esclusivamente agli associati Assiwama. 

Per maggiori informazioni scrivi a: [email protected]

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato!

WhatsApp chat