fbpx

Il Waste Manager, ruolo chiave negli obiettivi UE

Il Waste Manager è una figura professionale che si sta insediando prevalentemente nel panorama aziendale delle PMI e vede tra i propri compiti principali l’analisi, il monitoraggio e l’ottimizzazione dei costi di gestione dei rifiuti. Negli ultimi anni si sta assistendo ad una crescente attenzione circa la sua attività, di pari passo con l’evoluzione dei processi del riciclo e del recupero. Assume dunque un ruolo chiave nel sistema di gestione dei rifiuti e degli scarti aziendali, semplificando l’insieme delle procedure e metodologie volte a gestire l’intero processo di smaltimento, recupero e riciclo degli stessi, abbattendo i costi aziendali di gestione adeguandosi alle normative vigenti e agli obiettivi futuri.

Lo scenario internazionale

Dal 2005 la Commissione Europea ha avviato il processo di riforma della disciplina sui rifiuti all’interno di una normativa quadro vincolante per i propri membri, volta a garantire il raggiungimento degli obiettivi in materia di clima ed energia.

Nel 2007 sono stati fissati gli obiettivi principali da raggiungere per il 2020: taglio del 20% delle emissioni di gas serra; 20% del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili; miglioramento del 20% dell’efficienza energetica. Questi obiettivi sono stati recepiti nelle legislazioni nazionali del 2009 all’interno di programmi relativi alla crescita e sviluppo economico attraverso programmi di finanziamenti per la ricerca e l’innovazione.

Il quadro per il clima e l’energia del 2030, adottato dall’UE nel 2014, prevede una normativa più stringente sui punti già delineati precedentemente.  Secondo le previsioni gli investimenti annui previsti per rinnovare il sistema energetico  ammonteranno a 38 miliardi di euro, creando nuove opportunità di crescita e posti di lavoro.

Nel Novembre di quest’anno infine, la Commissione Europea ha iniziato i lavori per definire una strategia verso le “emissioni zero” entro il 2050, abbandonando l’uso di combustibili fossili a favore di fonti di energia a basso o zero emissione di Co2.

Al centro di questa strategia e quindi nelle mani del waste manager vi è l’ottimizzazione degli asset per la gestione dei rifiuti, indicata in specifiche direttive, già recepite dalla legislazione italiana.

Comments are closed.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato!